VERCELLI: ANCORA UN INCONTRO INFORMATIVO SUL DONO A SCUOLA

Classi 5^A e 5^I – Indirizzo Turismo

Venerdì  1° dicembre i volontari AIDO della Sezione Provinciale di Vercelli  si sono recati all’Istituto Tecnico Commerciale e per GeometriCamillo Cavour” di Vercelli presso le classi 5^A e 5^I dell’indirizzo Turismo a parlare ed informare sul dono.

Sono stati trattati numerosi argomenti inerenti il tema della donazione e del trapianto di organi e tessuti: Aspetti clinici, organizzativi; morte encefalica ed allocazione degli organi da trapiantare; aspetti etici ed antropologici del processo donazione e trapianto; testimonianze dirette di trapiantati; Accordo-Intesa tra le Associazioni del dono.

Le due classi ci hanno seguito, interagendo e i ragazzi hanno posto diverse domande” spiega il presidente AIDO sezione Provinciale di Vercelli Marcello Casalino.

Conclude la vice presidente AIDO Annunziata Mastroianni: ”É sempre utile ed interessante portare ai ragazzi questo messaggio della donazione degli organi e tessuti, è anche giusto che gli stessi ne parlino in famiglia e facciano delle riflessioni;, io ho spiegato che la vita è un dono e che come si diventa donatori, così un giorno si potrebbe diventare riceventi! Durante la mia testimonianza ho ripercorso le tappe della vita del mio caro marito, prima col trapianto di cuore e poi con quello di rene; io l’ho sempre assistito. Con molto piacere ed emozione abbiamo ascoltato la testimonianza della giovane studentessa Alissa che ha subito un trapianto di midollo osseo; questo le ha permesso di ritornare sui banchi di scuola e condurre una vita normale. Sono esperienze di vita molto forti che ci fanno crescere verso un’educazione e una scelta consapevole verso il dono!”

I volontari hanno portato in classe opuscoli e brochure di Aido, per continuare ad informare la cittadinanza attiva nelle scuole riguardo ad una scelta consapevole alla donazione degli organi e tessuti.

Si ringraziano, per l’accoglienza, le docenti Maria Guida, Sara Qualetti, Bianca Filippone ed Elena Ingrao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto