blood pressure, ekg, health-3312513.jpg

Una storia di grande umanità: suocero dona rene a nuora. Il gesto del noto imprenditore Francesco Ristuccia di Ecofaber

È una storia d’amore disinteressato e di grande umanità. Di solidarietà. La scelta di donare speranza e nuova vita. È quanto sta dietro al gesto del noto imprenditore Francesco Ristuccia, a capo dell’azienda Ecofaber insieme al socio Carlo Scollo, che ha donato un rene alla nuora Valeria Ballacchino.

La commovente lettera di ringraziamento di Valeria
Le parole di Valeria: “Questa storia sento di doverla raccontare perché i social hanno anche gli aspetti positivi e bisognerebbe farne tesoro.
Era il giorno del mio 38 compleanno e mi trovo ricoverata a sentirmi dire parole più grandi di me come insufficienza renale, trapianto… tutto di colpo si è offuscato, il futuro è diventato un grosso dubbio, ho conosciuto l’insonnia, l’ansia e la paura vera. Però ho anche cercato di giorno di condurre normalmente la mia vita, quasi dimenticando i problemi, nonostante ho dovuto cambiare diverse mie abitudini e stili di vita.
Dopo lunghissimi 3 anni il 2023 è finalmente iniziato con la notizia tanto attesa… il momento del trapianto di rene! Solo chi vive situazioni simili può capire la gioia nel ricevere una semplice chiamata che può cambiarti la vita.
A fine gennaio qualche intoppo e la nefrectomia di un rene, durante quei giorni bui e dolorosi mi sono chiesta perché a me, ma dopo qualche tempo ho ritrovato la lucidità di pensare che siamo fortunati quando c’è una soluzione!
Così ieri è stato il grande giorno, il miracolo è avvenuto e questo grazie a un’equipe fantastica, al mio nefrologo Dott. Massimo Matalone, al Dott. Giuseppe Candiano, ma soprattutto al mio donatore, al mio eroe: mio suocero Francesco Ristuccia e non ci sono parole per descrivere il gesto d’amore che ha avuto nei miei confronti.
Tutto questo anche grazie a mio marito, alle mie figlie, alla mia grande e bella famiglia, ai tantissimi amici, ai miei genitori Rosy Galofaro, Giuseppe Ballacchino e Nuccia Quartarone, che ogni giorno si sacrificano per me, ho sentito una vicinanza che mi ha trasmesso serenità, entusiasmo e voglia di riscatto.
Non voglio dilungarmi, ma fatemelo urlare:
VIVA LA VITA!
Sempre, seppur complessa e inspiegabile e viva gli affetti.
Viva la medicina e la ricerca!
Oggi è una vera rinascita.
♥ Centro Nazionale Trapianti
”.

(ragusaoggi.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto