kidney, anatomy, body part-6694025.jpg

Trapianti, da Singapore un nuovo metodo per preservare reni

Sperimentato con successo presso l’Ospedale universitario

Un nuovo modo di preservare i reni prima che vengano impiantati in pazienti sottoposti a trapianto di rene è stato sperimentato con successo su tre pazienti presso il National University Hospital (NUH).

La procedura comporta l’uso di una macchina di perfusione ipotermica, dispositivo ideato per pompare liquido di conservazione freddo sotto i 4 gradi centigradi nei reni del donatore per ottimizzarli per l’impianto.

Circa il 30% dei trapianti di rene da donatori a Singapore è a rischio di una complicanza chiamata funzione ritardata del trapianto, in cui il trapianto renale non funziona immediatamente e la dialisi è necessaria nella prima settimana post-trapianto.

Rispetto al modo tradizionale di conservare un organo nel ghiaccio prima del trapianto, la perfusione ipotermica della macchina simula il modo in cui il corpo pompa liquido nel rene, migliorando il lavaggio di microcoaguli di sangue e tossine. Quando lo si impianta nel paziente, il rene è pronto a ricevere il flusso sanguigno (del corpo umano), perché è già stato simulato per tre o quattro ore”.

Il team di medici del Centro universitario nazionale per i trapianti di organi (Nucot) della NUH coinvolto nella sperimentazione del metodo a Singapore sta lavorando con l’Unità nazionale per i trapianti di organi del Ministero della Salute per nazionalizzare la tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto