Sport e Volontariato: quando a vincere è la vita!

Sport e Volontariato: quando a vincere è la vita!

Sulla Granda il Campione Mondiale di Ciclismo Trapiantati Ermanno Manenti
Far rete moltiplica i risultati

Da tempo sono fermamente convinto che lo sport sia una vera e propria palestra di vita grazie alla quale è possibile far passare concetti e messaggi di grande utilità sociale” è questa l’affermazione del Presidente AIDO Sezione Provinciale di Cuneo Gianfranco Vergnano che nel contesto della Giornata Nazionale per la Donazione di Organi promossa dal Ministero della Salute ha fortemente voluto una simpatica e quantomai riuscita iniziativa.

Ed è proprio grazie al progetto “Wonderful live con lo sport per la vita!“, riconosciuto dalla Fondazione CRC come meritevole di sostegno, che la realtà di coordinamento associativo della “Granda” ha messo in campo una preziosa e quantomai fondamentale azione d’informazione con la collaborazione di tante società sportive che hanno raccolto positivamente la possibilità di veicolare ai propri atleti un messaggio di prevenzione e di vita.

Ecco allora che grazie all’impegno ed alla dedizione di tanti volontari legati alla rete AIDO cuneese, in particolare i Gruppi Comunali di Bagnolo Piemonte, Barge, Valle Po, Bra, Ceva, Dogliani, Saluzzo, Piasco, Valle Varaita e Savigliano con al fianco discipline sportive quali calcio, ciclismo, pallacanestro, pallavolo e twirling, si è dato concretezza alla promozione del dono con una preziosa azione per dipanare dubbi e perplessità che ancora oggi condizionano una scelta preziosa di vita

Siamo davvero contenti della perfetta riuscita dell’iniziativa” – prosegue Vergnano – “avvalorata dalla partecipazione di Ermanno Manenti, nel ciclismo campione del mondo trapiantati, che con la sua presenza ha evidenziato l’importanza di fare rete in particolare con il mondo dello sport utile occasione per moltiplicare i risultati“.

Con il motto “Io dono: non so per chi, ma so perché” si è dato valenza ed importanza ad un messaggio prezioso riuscendo a portare cultura ed informazione e tantissime nuove adesioni al “dono”, un gesto prezioso per far vincere la vita ridando una speranza agli 8.152 pazienti in lista d’attesa per un trapianto” conclude il Vice Presidente Vicario Enrico Giraudo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su