Sì alla donazione

“Sono qui grazie ad una signora di 46 anni che nella sua vita aveva deciso di essere una donatrice. Aveva scritto un sì. Ora una persona vive con il suo cuore, io con il suo fegato, due persone con i suoi reni e due persone vedono grazie alle sue cornee”.
Leonida
trapiantato al fegato e volontario AIDO

Il sì è un gesto d’amore.

Cuore, rene, fegato e altri. Sono questi gli organi che possono restituire la vita a chi vive sospeso in attesa di trapianto, a chi aspetta un sì.
La donazione post mortem, il sì, è un gesto d’amore.
Un amore che non conosce barriere spaziali o sociali, è amore per l’altro, chiunque esso sia, è amore per la vita

Il Sì è un gesto d’amore.