Premiazione 10 edizione del concorso”Donare è….”

AIDO celebra la X edizione del concorso “Donare è …”
Lunedì mattina, al Palasport di via della Province, la premiazione dei vincitori.

Oltre 750 ragazzi incontrati, 250 gli elaborati presentati, oltre 300 gli studenti partecipanti delle classi quinte di primaria e terze di secondaria di primo grado degli istituti comprensivi Caetani, Monda-Volpi, Plinio di Cisterna.

Sono questi alcuni dei numeri del concorso “Donare è …” promosso e organizzato dall’AIDO gruppo di Cisterna, con il patrocinio del Comune.

Ma il numero che spicca tra tutti è quello della sua edizione: la decima.

Giunge a conclusione, con una grande cerimonia che si terrà lunedì prossimo, 20 maggio, alle ore 10 al Palasport di via delle Province, un percorso iniziato all’inizio di quest’anno con incontri informativi svolti dai volontari AIDO nelle classi e che poi, grazie all’attenzione dei docenti e alla sensibilità e creatività degli studenti, si è tradotto in una serie di elaborati (ben 250!) che una qualificata commissione ha valutato.

Il tema di questa edizione è stato “Donare è … un Sì che riaccende la vita” e scopo del concorso è di favorire e diffondere la cultura della Donazione di Organi Tessuti e Cellule.

Dunque, lunedì prossimo, tutti gli elaborati verranno resi noti con un’esposizione e proclamati i vincitori: 3 primi posti per ogni istituto e per ogni grado di istruzione.

Introdurranno la cerimonia il sindaco Valentino Mantini e l’assessora alla Cultura Maria Innamorato, il vice presidente vicario dell’AIDO nazionale Vito Scarola, la presidente AIDO regionale Agnese Casini, il presidente AIDO provinciale di Latina Cesare Quattrocchi, la presidente AIDO di Cisterna Angela Morelli.

Interverranno il dott. Mariano Feccia, direttore del Centro Regionale Trapianti Lazio e i rappresentanti della Cisterna Volley sostenitori delle iniziative AIDO.

L’ingresso alla manifestazione è aperto a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto