medical, operation, surgery-5051148.jpg

Otto trapianti in sole 30 ore all’ospedale di Udine

Coinvolte anche due equipe da fuori regione, gli interventi hanno riguardato una tripla operazione di rene, di cuore e fegato

UDINE. Otto nuovi trapianti. Sono quelli portati a termine nei giorni scorsi all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine, dove nello specifico sono stati eseguiti due processi di donazione in contemporanea e una donazione di rene da vivente: sono stati eseguiti nell’arco di sole 30 ore, un periodo di tempo straordinario in considerazione del fatto che il triplo prelievo ha coinvolto anche due equipe da fuori regione, un trapianto di cuore, uno di fegato, il prelievo da vivente e tre trapianti di rene in sede, oltre ai trapianti effettuati fuori regione.

I trapianti sono stati effettuati su pazienti affetti da insufficienza d’organo terminale per i quali l’unica possibilità di cura era costituita dal trapianto.

L’attività, che dal punto di vista medico è da considerarsi straordinaria, «è stata possibile – riferisce una di Asufc – grazie prima di tutto alla disponibilità, alla solidarietà espressa dalle famiglie dei donatori ed alla professionalità del personale dei reparti di Anestesia e Rianimazione ed alle equipe chirurgiche della Clinica Chirurgica impegnata contemporaneamente in più sale operatorie e Cardiochirurgia, ed alla stretta collaborazione della Nefrologia e dello Staff dei blocchi operatori, della Neurologia, della Direzione Medica, dell’Epatologia e dei tanti Specialisti coinvolti nei delicati processi di prelievo e trapianto coordinati dal Centro regionale trapianti».

Fondamentale anche la collaborazione della Centrale operativa Sores, della Cri e del 2°Stormo dell’Aeronautica militare di Rivolto che ha consentito l’arrivo dell’aereo con l’equipe poi ripartita con il prezioso dono.

Questa attività, si legge ancora nella nota, «si inserisce nei 26 trapianti eseguiti da inizio d’anno (4 di fegato, 5 di cuore e 17 di rene di cui già 2 da vivente) per un totale di oltre 2720 trapianti da inizio attività».

Il dottor Roberto Peressutti, direttore del Centro Trapianti, spiega che «si è trattato di un’operazione veramente eccezionale per il coordinamento di tutte le componenti, sia per il brevissimo tempo intercorso sia per la complessità delle operazioni: questo a testimonianza dell’alta professionalità degli specialisti che operano sul territorio del Fvg e non solo».

(messaggeroveneto.gelocal.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto