operation, operating room, surgery-1807543.jpg

Ospedale Monaldi, due trapianti di cuore in dieci giorni

Salve una 17enne e una 50enne calabrese. Entrambe attendevano da tempo un organo e ora sono fuori pericolo. Il direttore generale Iervolino: «Noi punto di riferimento»

Due trapianti di cuore in 10 giorni nell’ospedale Monaldi di Napoli: gli organi sono stati impiantati a una donna di 55 anni e a una ragazza di 17, che così tornano a vivere. La ragazza era da oltre due anni in attesa per un severo scompenso cardiaco che ha richiesto, negli anni, diversi ricoveri ospedalieri. Un percorso di cura lungo che è culminato pochi giorni fa nel desiderato annuncio: c’è un organo compatibile. 

Duplice successo
La 55enne, invece, è stata trasferita in emergenza al Monaldi dall’ospedale di Cosenza. Per lei l’unica strada da percorrere era quella di affidarsi a un centro altamente specializzato in grado di assicurare le migliori cure possibili: un trapianto di cuore o, qualora non fosse giunto in tempo un organo compatibile, l’impianto di una assistenza meccanica del circolo. Due storie diverse che, grazie ad un atto di generosità incondizionata quale la donazione di organi, hanno un comune lieto fine: entrambe hanno ora una nuova vita davanti grazie ai dottori Andrea Petraio e Claudio Marra nonché a tutto il personale delle Unità operative semplici dipartimentali di Assistenza meccanica al circolo e dei trapianti nei pazienti adolescenti e di Cardiochirurgia generale e dei trapianti, che afferiscono al Centro unico trapianti di cuore dell’ospedale Monaldi. Il centro fa parte del dipartimento di Cardiochirurgia e dei trapianti, diretto dalla professoressa Marisa De Feo, ordinaria dell’Università Vanvitelli. 

«Promuoviamo la cultura della donazione di organi, un gesto di amore incondizionato che tutti possono compiere e che aiuta a salvare vite» dichiara Anna Iervolino, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera dei Colli. «Il Monaldi è punto di riferimento non solo della regione Campania, ma anche delle regioni limitrofe, come la Calabria, che non hanno un Centro trapianti di cuore. La nostra priorità è quella di garantire a tutti i pazienti la migliore assistenza possibile. Ascoltando la voce dei nostri pazienti, abbiamo definito i percorsi aziendali per la gestione delle emergenze e urgenze dei pazienti trapiantati di cuore, in attesa di trapianto o portatori di assistenze meccaniche al circolo, al fine di rendere più veloce l’accesso ai reparti di cura dei pazienti già seguiti presso il nostro ospedale, in una logica di miglioramento continuo» conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto