granny, grandson, child-3628304.jpg

Nonna dona il rene al nipote, ma è incompatibile e salva un’altra persona

Un grande atto d’amore all’ospedale Maggiore di Novara

Al Centro Trapianto Renale dell’ospedale Maggiore,  diretto dal professor Vincenzo Cantaluppi, è stata eseguita la prima donazione di rene da donatore vivente nel contesto del programma “Kidney Paired Donation” (KPD), gestito sotto il coordinamento del Centro Nazionale Trapianti (CNT).

La donatrice è stata una nonna residente nel Verbano-Cusio-Ossola che, proprio a causa dell’incompatibilità immunologica, non ha potuto donare direttamente il proprio rene al nipote. Per fortuna l’organo della nonna è andato invece ad altro paziente compatibile.

La Polizia di Stato ha messo a disposizione la Lamborghini utilizzata ad hoc per il trasporto di organi urgenti, consentendo il trapianto del rene prelevato alla nonna in un ricevente residente in altra regione. A sua volta, il donatore di quest’ultimo ricevente fuori regione nelle prossime settimane donerà ad un altro paziente uremico il proprio rene e così via, garantendo, appunto, il maggior numero di trapianti possibile e con un rischio immunologico ridotto.

(laprovinciadibiella.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto