Giornata nazionale AIDO 2023: il Sì alla donazione risuona in tutta la provincia di Vercelli

Anche la Sezione Provinciale “Aldo Ozino Caligaris” OdV Vercelli è scesa in campo con i suoi magnifici volontari del gruppo InterComunale di Vercelli (nei comuni di Asigliano Vercellese, Caresana, Cigliano, Costanzana, Desana, Motta dei Conti, Prarolo, Rive Vercellese, Saluggia, Vercelli con 2 piazze), del Gruppo InterComunale Valsesia (presso il comune di Borgosesia) e del Gruppo Comunale di Villata (presso il comune omonimo) che hanno colorato la provincia con 16 piazze ad informare in maniera consapevole il cittadino in materia di donazione e trapianto. Il prossimo 8 ottobre scenderà in campo anche il Gruppo Comunale di Trino presso i comuni di Palazzolo Vercellese, Tricerro e Trino.
Il presidente provinciale Marcello Casalino afferma: ”Lo scorso 29 settembre il Comune di Vercelli ha supportato la Giornata nazionale del SÌ illuminando di colore ROSSO il balcone di palazzo di città. Nell’occasione abbiamo informato presso le nostre postazioni tanti cittadini e abbiamo proposto loro la piantina di anthurium e i nostri gadget, per avere un SÌ alla vita! Ci siamo dedicati con passione ed entusiasmo: per questo voglio ringraziare tutti i nostri magnifici e speciali volontari scesi in piazza, abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra!”.

 Le parole della presidente nazionale Petrin
“Ci può essere un trapianto solo se c’è una donazione, ma non ci sono donazioni se non c’è un personalissimo Sì alla vita. Nell’ultimo anno le donazioni sono state incrementate del 17%, i trapianti del 19%. Ma restano le liste d’attesa e bisogna fare ancora di più e meglio”.
Siamo 1 milione e mezzo di soci in tutta Italia – ha spiegato la presidente Petrintanto è stato fatto, ma c’è sempre bisogno di continuare a crescere, con l’aiuto di tutti, per promuovere ancora più diffusamente la cultura della donazione: ci può essere un trapianto solo se c’è una donazione, ma non ci sono donazioni se non c’è il nostro personalissimo Sì alla vita. Nell’ultimo anno le donazioni sono state incrementate del 17%, i trapianti del 19%. Andiamo avanti con determinazione: non c’è limite d’età per donare, le statistiche certificano la rilevanza degli organi provenienti da anziani e l’anno scorso a Firenze addirittura una nonnina di oltre 100 anni ha donato il fegato”.

Continueremo a lavorare – ha sottolineato Petrinin tutte le città e in tutte le piazze, affinché sempre più persone possanodecidere in maniera informata e consapevole. Abbiamo l’obbiettivo di ridurre il più possibile il numero delle opposizioni che si aggira sul 30% delle manifestazioni di volontà al momento del rinnovo della carta d’identità, mentre il 45% non si esprime. Fondamentale è parlare ai giovani che sono cittadini già oggi e diventeranno domani classe dirigente. Per donare un giorno, post-mortem, abbiamo il dovere di preservare la nostra salute con corretti stili di vita. Inoltre, come volontari, possiamo già fare molto per il bene degli altri e fare insieme tanta strada”.

Manifestazioni in tutta Italia e i modi di dire Sì
Migliaia sono i volontari di AIDO presenti nelle principali piazze dello Stivale con banchetti e tante altre iniziative. Lo slogan scelto per questa edizione 2023 è “Insieme per il Sì”, a sottolineare come sia proprio l’unione e la condivisione di un obiettivo comune a fare la differenza nelle battaglie che l’associazione porta avanti ogni giorno per la promozione e la diffusione della cultura del dono. Il tutto nell’anno del 50° anniversario dalla fondazione di AIDO, avvenuta nel febbraio 1973 grazie all’impegno e alla particolare sensibilità dell’informatore farmaceutico Giorgio Brumat. Per esprimere il proprio Sì alla donazione è possibile iscriversi ad AIDO (manifestazioni di volontà solo favorevoli), usando l’App DIGITAL AIDO con Spid, firma digitale, carta d’identità elettronica (Cie), dicendo di Sì al momento del rinnovo della carta d’identità nelle anagrafi comunali, iscrivendosi nell’apposito elenco aperto presso le Ulss o scrivendo un atto di proprio pugno: la manifestazione di volontà può essere modificata, sia in senso positivo che negativo, in qualsiasi momento secondo il principio che l’ultima espressione deroga le precedenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto