Festa a Roma per i 50 anni di Aido: oltre mezzo migliaio di volontari e soci in piazza San Pietro

Le parole di Papa Francesco all’Angelus: “Accolgo l’associazione Aido che celebra il cinquantesimo di fondazione. Vi ringrazio per il vostro impegno di solidarietà sociale e vi esorto a continuare a promuovere la vita attraverso la donazione degli organi”
La presidente nazionale Flavia Petrin: “Un’emozione fortissima. Grazie al Santo Padre. Il suo saluto è stato un brivido per ciascuno di noi. Qualcosa di unico. E grazie a tutte le persone che hanno contribuito a raggiungere questo importante anniversario. Aido è una storia bellissima che continuerà con ancora più impegno”

(Roma, 26 febbraio 2023) – Festa grande, oggi a Roma, per i 50 anni di fondazione di Aido, Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule, nel giorno esatto dell’anniversario celebrato con due momenti particolarmente intensi: dapprima, a mezzogiorno, la partecipazione all’Angelus recitato da Papa Francesco nella prima domenica di Quaresima, affacciato alla finestra del Palazzo apostolico; quindi l’incontro conviviale al centro congressi Roma Eventi in piazza di Spagna. Per l’occasione sono giunti oltre mezzo migliaio di aidini da tutta Italia.

Quando il Papa ha salutato Aido, un’emozione fortissima ha attraversato quanti erano presenti in piazza San Pietro, nella Città del Vaticano, nel giorno del 50esimo anniversario della fondazione dell’associazione, nata il 26 febbraio 1973 a Bergamo per iniziativa dell’informatore farmaceutico originario del Friuli Venezia Giulia Giorgio Brumat.

Volontari e soci hanno composto una grande “macchia rossa”, vestiti con pettorina e cappellino, un bel colpo d’occhio dietro lo striscione in cui campeggiava la scritta: “Cinquant’anni di Sì alla vita”, con il logo realizzato proprio per il 50esimo.

Così ha parlato Papa Francesco: “Accolgo l’associazione Aido che celebra il cinquantesimo di fondazione. Vi ringrazio per il vostro impegno di solidarietà sociale e vi esorto a continuare a promuovere la vita attraverso la donazione degli organi”.

Ha sottolineato la presidente nazionale Petrin: “Sentire che Papa Francesco si rivolgeva a noi con un messaggio così diretto e profondo, è stato qualcosa di unico. Lo ringraziamo di cuore, commossi. Una bella consolazione per il lavoro fatto da centinaia di migliaia di persone in questi 50 anni, a vario titolo. Idealmente vogliamo ricordare tutti i donatori che, lasciando la vita terrena, hanno contribuito a ridare la vita a un numero cospicuo di malati. Ricordiamo tutti i loro familiari. E ovviamente i trapiantati che hanno potuto trovare la possibilità di cura. Tantissimo è stato fatto in questo mezzo secolo di attività e tantissimo resta da fare. Aido è una storia bellissima che continuerà con ancora più impegno”.

Presente, in piazza, la Giunta al completo: con la presidente Flavia Petrin, la vicepresidente vicaria Donata Colombo, i vicepresidenti Maurizio Ulacco e Vito Scarola, l’amministratore Daniele Damele e la segretaria Bertilla Troietto. Presente anche il past president Vincenzo Passarelli e Giampietro Della Cananea, già amministratore a lungo, uno degli associati in assoluto più anziani al quale è stato attribuito un particolare riconoscimento.

A portare il suo saluto, nelle vesti di testimonial, il giornalista e conduttore televisivo Gianni Ippoliti, da sempre vicino all’associazione e sensibile alla causa della donazione, anche in età avanzata, per i trapianti: “In attesa del centenario dell’Aido, intanto facciamo questa, di ricorrenza – ha detto, sorridendo, il noto volto della Rai –. Festeggiamo e già prepariamoci a fare tanto altro nei prossimi 50 anni: per questo c’è bisogno dell’aiuto di tutti”, ha sottolineato Ippoliti poco prima che Papa Francesco si affacciasse al Palazzo apostolico per la recita dell’Angelus.

La giornata di festa è proseguita al Centro congressi Roma Eventi, in piazza di Spagna, dopo le foto di gruppo sulla celebre scalinata di Trinità dei Monti, con un incontro conviviale aperto a tutti gli aidini, concluso con la proiezione del video di Rai per il sociale che in queste ore, con il logo associativo, sta entrando nelle case di milioni di italiani.

Aido, Associazione per la donazione di organi, tessuti e cellule, è nata il 26 febbraio 1973 dopo l’esperienza del Dob, Donatori organi di Bergamo, fondata da Brumat il 14 novembre 1971. L’Associazione è presente sul territorio nazionale con le sue 20 sezioni regionali, 90 sezioni provinciali e 832 gruppi comunali. I soci sono quasi un milione e mezzo in tutta Italia, i volontari oltre 8 mila.

Con cortese richiesta di pubblicazione.
Alvise Sperandio
Ufficio stampa Aido nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto