love, heart, together-1731755.jpg

Croazia, lascia il calcio per donare il fegato alla madre malata

Il croato Robert Peric-Komsic ha messo quasi sicuramente fine alla sua carriera: “L’unica cosa che contava era salvare mia madre. Lei mi ha dato la vita, io ho allungato la sua“.

Tra la carriera da calciatore e l’amore per la madre non ha avuto dubbi. Robert Peric-Komsic, 23enne attaccante croato del Cibalia Vinkovci, club di seconda divisione croata, ha deciso di lasciare il calcio per aiutare la madre Ljiljana, alle prese da diversi anni con una malattia che le aveva consumato il fegato.

Falliti diversi tentativi di trapianto, Robert era rimasto l’ultimo donatore compatibile. Ed è così che lo scorso marzo – in una clinica di Istanbul – ha donato alla mamma il 70% del suo fegato. Sapendo che quel gesto avrebbe messo fine probabilmente al suo sogno di diventare un giocatore professionista: “La sua vita era in pericolo – ha raccontato ai media locali – il suo stomaco si stava riempiendo d’acqua ed era questione di giorni. Nel momento in cui ho capito che tutte le altre opzioni erano esaurite, ho fatto le valigie e sono volato a Istanbul. La mia missione era chiara, curare mia madre. Tutto il resto era meno importante o del tutto irrilevante“.

A più di quattro mesi dall’intervento la madre si sta riprendendo e Robert è pronto per tornare in campo, seppur non a livello agonistico: “Tutti gli esami sono normali, il fegato è quasi completamente rigenerato. Io un eroe? Ho fatto quello che avrebbe fatto chiunque. Mia madre mi ha dato la vita e io l’ho estesa a lei, finalmente ha avuto una nuova vita dopo 13 anni di dura lotta“.

(Repubblica.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su