Ad Assisi il Patto di gemellaggio tra quattro Aido regionali e la corsa del tandem Orrù-Petranca per sostenere la cultura del dono e l’importanza di stili di vita sani

Un Patto di gemellaggio, a rinsaldare la collaborazione tra sezioni regionali: è quello che è stato sottoscritto ad Assisi da Aido Umbria, Aido Basilicata, Aido Puglia e Aido Sardegna, con la firma dei rispettivi presidenti Vittorio Pulcinelli, Fabiano Popia, Pino Neglia per delega a Carmina Piliego e Roberto Simbula, alla presenza dei vicepresidenti nazionali Vito Scarola e Roberto Ciarimboli e della segretaria nazionale Bertilla Troietto, davanti al sindaco di Assisi Stefania Proietti, graditissima ospite.

L’accordo è stato stipulato nell’incontro interregionale tenutasi in occasione della San Francesco Marathon, corsa di 42 Km, o altri due più brevi, che è partita dalla piazza della basilica inferiore di Assisi ed arrivata al traguardo davanti alla basilica con la Porziuncola a Santa Maria degli Angeli: tra i podisti protagonisti ci sono stati anche Fabio Orrù e Stefano Petranca, amici di lun ga data, rispettivamente atleta guida e atleta non vedente, che hanno corso insieme, idealmente legati da un cordino, soprattutto accomunati dalla stessa passione per lo sport, portando il messaggio di sensibilizzazione alla promozione della cultura del dono a fine di trapianto e sostenendo una raccolta fondi in favore di Aido.

Il fine settimana ad Assisi era iniziato con l’incontro di formazione che il vicepresidente nazionale Vito Scarola e la segretaria nazionale Bertilla Troietto hanno inaugurato, secondo le indicazioni della Giunta, per una cinquantina di dirigenti Aido radunati all’hotel Casa Leonori ad approfondire le tematiche relative allo statuto e al regolamento; impegno che continuerà nelle prossime settimane con altri appuntamenti dello stesso tipo distribuiti lungo tutto il territorio nazionale.

Il gemellaggio, sottoscritto nella sede dell’associazione culturale locale Ctf e patrocinato da Aido nazionale, rafforza le relazioni già in essere tra le Regionali aderenti per “continuare a sviluppare e consolidare rapporti di amicizia, solidarietà, scambi sociali e manifestazioni in comune per gli scopi propri dell’associazione”, con specifici programmi operativi che saranno successivamente organizzati, di comune accordo tra le parti, che ne definiranno forma, durata e modalità di svolgimento.

Nel frattempo alla San Francesco Marathon Fabio Orrù e Stefano Petranca hanno tenuto alta la bandiera dell’amicizia, dell’inclusione, dei valori di Aido, ben più importanti del risultato sportivo in sé, contribuendo a diffondere l’importanza di una scelta consapevole per la donazione e di custodire e coltivare stili di vita sani che permettano di tutelare la salute, ma anche di poter effettivamente donare un organo, post-mortem, per dare una possibilità di cura a chi, attendendo il trapianto, di fatto non ha più alternative.

La corsa dei due podisti è stata sostenuta dall’affetto e dal tifo degli iscritti e degli amici di Aido, tra cui la nutrita delegazione di Aido Sardegna, composta da una quarantina di partecipanti in trasferta per far sentire tutta la propria vicinanza e applaudire all’impresa.

Assisi, 5 novembre 2023
Alvise Sperandio
Ufficio stampa Aido nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto