50 ANNI DI TRAPIANTI… 50 ANNI DI VITA! Bra, città del dono per un convegno dalle mille sfaccettature

Il Teatro Politeama Boglione “sold out” per uno storico evento 

Si è svolto a Bra, a pieno titolo città del “dono“, un evento che sicuramente passerà alla storia vista la presenza di tantissimi luminari, oltre venti, della trapiantologia nazionale.

Nata da un’idea progettuale “M… AIDO… MI” della Sezione Provinciale AIDO di Cuneo con il supporto della Fondazione CRC via via dopo mesi di lavoro si è dato vita ad un confronto pubblico dove le eccellenze del mondo sanitario, legate alla donazione di organi tessuti e cellule, si son messi a nudo grazie alla bravura del moderatore Gian Mario Ricciardi, un professionista della comunicazione, che ha saputo stimolare, pungolare, ricordare, argomentare sui 50 anni di attività di un contesto sanitario fatto di malati in lista d’attesa per un trapianto.

Con la presenza nella città della “Zizzola” e terra natia del Beato Cottolengo del Direttore Generale del Centro Nazionale Trapianti Dott. Massimo Cardillo, sul palco del Teatro Politeama per l’occasione abbellito da pensieri floreali, tutti coloro che nel tempo hanno dato corso ad un’evoluzione di protezione e tutela della vita che proprio grazie al “dono” ha permesso e permette “ieri, oggi e domani” di salvare decine di migliaia di vite ritornando ad una condizione di forma ottimale.

Ciliegina sulla torta” la partecipazione della troupe RAI protagonista nell’immortalare gli istanti più importanti del ritrovo congressuale braidese non ultimo gli annunciati 50 anni di attività festeggiati nel 2023 da AIDO Piemonte e dalla Sezione Provinciale di Torino. 

Arrivare a Bra è stato un piacere ed un onore, ma era doveroso per la bella “Granda”, ma ancor più per una regione, il Piemonte, indubbiamente d’eccellenza nel contesto della rete dei trapianti anche se ci sono spazi di miglioramento vista la percentuale di coloro che ancora oggi sulla donazione di organi, tessuti e cellule non si esprimono o lo fanno in modo negativo ” – dice il massimo riferimento dirigente CNT Massimo Cardillo a cui fa eco il Presidente AIDO Piemonte Valter Mione – “La nostra regione in 50 anni d’intenso lavoro ha raccolto oltre 100.000 adesioni al “si” e tanta è l’attività svolta per proseguire un percorso fatto d’informazione e cultura al “dono” al fianco delle istituzioni”. “La Sezione Provinciale di Cuneo, con il Gruppo Comunale AIDO di Bra in campo per gli aspetti operativi, è cresciuta negli ultimi nove anni di vita, dopo un percorso di ben 45 anni, di oltre 70 punti percentuali, frutto di un impegno profuso giorno dopo giorno per esser al fianco dei tanti professionisti che hanno espresso pensieri e concetti di particolare spessore evidenziando professionalità e soprattutto sana umanità…abbiamo tanto da imparare!” – conclude Gianfranco Vergnano Presidente della realtà di coordinamento associativo provinciale cuneese e braidese.

Partner di AIDO in modo ufficiale con relativo patrocinio la Regione Piemonte, la Provincia di Cuneo, la città di Bra, l’ASL CN2.

Presenti l’Assessore alla Sanità regionale Luigi Genesio Icardi, il Presidente della Provincia di Cuneo Luca Robaldo ed il Sindaco della Città di Bra Gianni Fogliato oltre ad una nutrita schiera di autorità politiche e militari.  

Non sono poi mancate manifestazioni d’interesse di realtà pubbliche e private come Banca d’Alba, CSV Cuneo, Baratti & Milano, Cartitalia, Ceretto Aziende Vitivinicole, Pack Service e Poderi Luigi Einaudi che hanno permesso un esito dell’incontro che indubbiamente rimarrà nei ricordi di tutti coloro che hanno vissuto momenti di grande valore dalle mille sfaccettature con al centro un pensiero comune: la bellezza della vita e del dono!      

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su